Necropoli greco-romane, Canyon, riserve naturali.

Taranto, chiamata anche "la città dei due mari" o "la terra dei delfini", è stata la capitale pugliese dell'antica Magna Grecia, l'unica città spartana riconosciuta al di fuori del territorio Greco. Qui vi ha sede uno dei più importanti musei archeologici d'italia il MArTa.

Nelle Gravine pugliesi rimarrai incantato da questi veri e propri canyon, creati dallo spostamento delle placche tettoniche e percorsi da migliaia d'anni, da silenziosi torrenti che continuano a modellare e spettacolizzare questo surreale territorio ionico.

Cicerent.com - Tutta un'altra storia.

Periodo consigliato

Primavera o tarda estate. Non si può venire in questo angolo della Puglia e rischiare di non vedere la splendida flora che le Gravine o il Parco Nazionale dell'Alta Murgia hanno da offrire.

Tutto l'anno invece se siete tra le migliaia di visitatori che ogni anno ammirano delle più grandi collezioni di manufatti dell'epoca della Magna Grecia

Da vedere

Taranto

Una leggenda attribuisce a Falanto la fondazione della città, un'altra invece l'attribuisce a Taras, figlio di Poseidone. Comunque siano andate le cose, la struttura sociale della colonia sviluppò, nel tempo, una vera e propria cultura aristocratica, la cui ricchezza proveniva, probabilmente, dallo sfruttamento delle risorse del fertile territorio circostante.

Canyon e Gravine

Se invece volete andare ancora più indietro nel tempo, non potete non far trekking tra le Gravine e Canyon pugliesi che a differenza dei paesaggi di quelli aridi dell'Arizona qui, passeggi tra gli ulivi.

Altamura e Grottaglie

Ad Altamura da non perdere festa medievale di rievocazione storica è dedicata a Federico II di Svevia, fondatore della città che si tiene dal 2012 tra aprile e maggio. Consta principalmente di una parata in costume che rievoca il passaggio del sovrano con il suo seguito per le vie del centro cittadino, oltre che di numerosi eventi collaterali, ispirati al tema scelto per ciascuna edizione.

Grottaglie si trova perfettamente al centro tra le province di Taranto e Brindisi, ancora oggi è considerato il più importante centro di produzione di ceramica in Puglia.

Parco Nazionale dell'Alta Murgia

In un susseguirsi di formazioni rocciose, fitti boschi e vaste distese steppiche, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia sfoggia pascoli brulli dove spuntano muschi e licheni mentre il sottobosco è ricco di orchidee selvatiche e rose canine. Numerose, inoltre, sono le specie animali autoctone come il falco grillaio che è divenuto simbolo del parco.

Info e prenotazioni



NOTA! Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati, si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo con la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo